CORTE D’APPELLO DI BARI, SENTENZA DEL 03-11-2020 N. 1890

L’art. 821, comma 3, Codice Civile sancisce il Regime Semplice

La Corte di Appello di Bari, consigliere relatore Dott.ssa Carmela Romano, con la sentenza del 03/11/2020 n. 1890 ha precisato il seguente principio di diritto in relazione ad un contratto di MUTUO: “Il debito va, pertanto, rideterminato applicando il tasso ex art. 117 co. 7 TUB in regime di capitalizzazione semplice, che costituisce il modello legale tipico di produzione di interessi, in conformità al disposto di cui all’art. 821, 3° co., c.c..

Indeterminatezza contrattuale del tasso corrispettivo nel Regime Composto

Nel rinviare all’articolo BONFERRONI 1937, TASSO NOMINALE, TASSI TECNICI, TASSO EFFETTIVO O REALE, la Corte di Appello di Bari, consigliere relatore Dott.ssa Carmela Romano, con la sentenza del 03/11/2020 n. 1890 ha precisato i seguenti principi di diritto in relazione ad un contratto di MUTUO: “Dall’esame della documentazione prodotta e dall’analisi svolta dal c.t.u. è emerso che: la banca ha applicato un tasso annuo effettivo (TAE) del 7,3814% non previsto in contratto e superiore al tasso nominale pattuito (TAN) del 7,25%; … (…) … il piano di ammortamento è sviluppato in regime di capitalizzazione composta… (…) … Ne deriva, dunque, la nullità della clausola per indeterminatezza del tasso di interesse ex artt. 1346-1418, 2° co., c.c. e per violazione della forma scritta prevista ad substantiam dall’117, co. 4, TUB per gli interessi ultralegali … (…) … Il debito va, pertanto, rideterminato applicando il tasso ex art. 117 co. 7 TUB in regime di capitalizzazione semplice, che costituisce il modello legale tipico di produzione di interessi, in conformità al disposto di cui all’art. 821, 3° co., c.c..

Conseguentemente, vi è INDETERMINATEZZA in COMPOSTO e la sanzione civile ex art. 117 co. 7 TUB deve essere calcolata nel REGIME SEMPLICE.