CASSAZIONE CIVILE, SENTENZA DEL 22-02-2021 N. 4694

Revocabilità del mutuo ipotecario stipulato per l’estinzione di un precedente debito chirografario

La sentenza n. 4694 della Cassazione Civile, sez. I, del 22/2/2021 ha affermato che il mutuo ipotecario destinato ad estinguere un debito bancario chirografario è revocabile in quanto estingue con mezzi anormali un debito non assistito ab origine da garanzie reali.

Di seguito la MASSIMA:

“In tema di fallimento, la stipulazione di un contratto di mutuo con la contestuale concessione d’ipoteca sui beni del mutuatario, ove non risulti destinata a procurare a quest’ultimo un’effettiva disponibilità, essendo egli già debitore in virtù di un rapporto obbligatorio non assistito da garanzia reale, è revocabile, in presenza dei relativi presupposti, in quanto diretta, per un verso ad estinguere con mezzi anormali la precedente obbligazione, per altro verso a costituire una garanzia per il debito preesistente, dovendosi ravvisare il vantaggio conseguito dalla banca non già nella stipulazione del negozio in sé, ma nell’impiego dello stesso come mezzo per la ristrutturazione di un passivo almeno in parte diverso” (Nella specie, la S.C. ha cassato con rinvio la pronuncia di merito che nel caso di due banche mutuanti, una sola delle quali vantava un un precedente credito nei confronti della mutuataria, non aveva differenziato la posizione dell’altra, la quale effettivamente aveva erogato le somme alla debitrice con contestuale iscrizione dell’ipoteca su suoi immobili, senza tuttavia beneficiare dell’estinzione anticipata del proprio credito).