TRIBUNALE DI PRATO, SENTENZA DEL 17-06-2020 N. 250

Secondo il Giudice di Prato Dott. Michele Sirgiovanni deve essere applicata la corretta sanzione civile ex art. 117 TUB se il contratto di mutuo a SAL che prevede il REGIME COMPOSTO del sistema FRANCESE presenta un’indeterminatezza in generale del tasso corrispettivo per violazione sia della normativa in generale che di quella di trasparenza.

Nella fattispecie concreta, il CTU Dott. Cristian Bartoletti ha evidenziato che “Dalla contabile che la banca ha fatto sottoscrivere all’azienda, si legge ammortamento Francese… e segue un piano di ammortamento del capitale alle varie date con la quota residuale. Se poi esaminiamo le condizioni contrattuali si ritrova una ulteriore criticità: il tasso pattizio è differente da quello applicato per l’ammortamento del capitale. Nell’allegato A del fascicolo di parte banca vi è come ho sopra menzionato, un piano di ammortamento con le rate del capitale residuo…. Mentre il piano di ammortamento presentato non segue l’ammortamento del capitale come da allegato A della banca sopra riportato, ma segue un andamento molto simile ad un ammortamento alla francese con tasso di interesse al 10% che nello schema seguente viene riportato. Come è evidente il piano di ammortamento allegato è del tutto difforme da quello contrattuale”.

Conseguentemente, il Giudice di Prato Dott. Michele Sirgiovanni ha stabilito che “La mancata conformità del piano di ammortamento applicato a quello desumibile dalla regolamentazione contrattuale, porta alla conclusione della fondatezza del profilo di nullità parziale concernente la determinazione degli interessi corrispettivi e di mora, in violazione dei principi di trasparenza sottesa alla disciplina normativa richiamata dagli opponenti. In considerazione dell’applicazione del criterio fissato dall’art 117 , comma 7, TUB, il CTU ha effettuato una rielaborazione considerando in fase di ricalcolo l’applicazione del tasso sostitutivo ai sensi dell’art. 117 TUB”.